Accedi Registrati

Login form

You need to sign in to those awesome features
or use your account
Remember me
Power by Joomla Templates - BowThemes

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name (*)
Username (*)
Password (*)
Confirm password (*)
Email (*)
Confirm email (*)

  

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

  • Titolo: Il racconto dell'Ancella
  • Editore: Ponte alle Grazie
  • Autore: Margaret Atwood

Questo romanzo di 398 pagine ha qualcosa di insospettabilmente gotico pur facendo parte del più ampio genere letterario della fantascienza.

Le atmosfere di questi Stati Uniti del futuro, allora chiamati Repubblica di Galaad, ricordano un altro romanzo su sfondo americano - L’Antologia di Spoon River di Edgar Lee Masters - con le sue storie segrete di un piccolo paese. La vicenda descritta rimanda ad un altro punto nell’immaginario del romanzo e del cinema gotico ovvero la caccia alle streghe di Salem. Il tutto, nonostante il romanzo sia del 1985, con un’attualità allarmante: la trama racconta di un’America contagiata da radiazioni che hanno reso gli americani impossibilitati ad avere figli, quindi servono donne che vengano usate al puro scopo procreativo secondo i dettami biblici: le Ancelle appunto.

Attraverso continui flashback della protagonista comprendiamo come la situazione sia degenerata e le donne siano state suddivise in caste: le Marte (ovvero le casalinghe), le Mogli (sposate ai Generali ma infertili), le Ancelle (concubine dei Generali), le Zie (avete mai avuto le suore all'asilo?) e le Non-Donne, ovvero le più anziane e malate che vengono inviate in colonie a smaltire scorie radioattive a mani nude.

La protagonista non ha un vero nome ma un nominativo che cambia a seconda del Generale a cui viene assegnata: quando noi leggiamo si chiama Difred, ovvero di proprietà di Fred. Le Ancelle sono meglio nutrite rispetto alle Marte e la loro vita è meno faticosa, ma tutti questi privilegi hanno il prezzo dei figli che dovranno partorire. Se non ci riusciranno verranno spostate verso un altro Generale almeno finché il loro tempo non scadrà: a quel punto diverranno Non-Donne. Ogni mossa è controllata dagli Occhi (i delatori in stile comunista con potere di deportare chiunque in furgoni neri stile C.I.A.), esistono parole d’ordine basate sulle sacre scritture per gestire gli incontri in ogni luogo e le Ancelle non possono guardare nessuno in volto (portano alette che le costringono a osservare a terra). Il loro vestiario ricorda molto le donne puritane de La lettera scarlatta di Hawthorne. A tutto ciò si aggiungano gli Angeli, cioè i soldati che combattono per stanare tutti i componenti della resistenza sotterranea ma anche delle altre confessioni religiose. Tutti coloro che vengono catturati sono poi appesi incappucciati ad un muro e usati come monito: vi ricorda qualcosa?

Scorrendo il romanzo non è chiaro se predomini la religione cattolica, ma tutta la società è stata ristrutturata sulle pagine della Bibbia con un assurdo rituale durante i rapporti sessuali tra Ancelle e Generali in cui le Mogli siedono sopra alle Ancelle seminude tenendo strette le loro mani e a gambe aperte come fossero loro a fare sesso. Ogni manifestazione di piacere o coinvolgimento emotivo è puramente vietata. Questo rito è basato sulla Genesi in cui Rachele dice a suo marito Giacobbe che lei non può avere figli ma che può farli avere da Bila, la loro schiava. Il passare del tempo è scandito da notiziari continui che aggiornano sugli esiti delle battaglie contro gli infedeli. Propaganda televisiva: vi ricorda qualcos’altro? Ancora più assurdo il fatto che questa situazione sia solo negli Stati Uniti, con tanto di turisti giapponesi che fotografano le Ancelle per strada come stravaganti tradizioni locali.

Il filo gotico della storia non è solo nelle atmosfere da caccia alle streghe (che ogni volta che i mass media trattano la nostra cultura Goth non mancano di tirare fuori), ma soprattutto nel moto di ribellione in difesa della libertà sessuale che sta tra le basi del Gothic sin dai suoi inizi a fine anni Settanta. Richiama anche un’altra icona spesso citata da certi cantanti: Oscar Wilde e la sua vita che a sua volta denunciava con ironia l’ipocrisia della società inglese vittoriana, altrettanto moralista e soffocante come quella di Galaad. Tutto questo unito alla realtà dei nostri giorni come in quel passaggio del romanzo in cui le donne dall’oggi al domani si ritrovano senza più denaro per poter scappare perché tutto il loro patrimonio è stato prima traslato su carta di credito e poi fatto sparire senza preavviso. Non vi ricorda qualcos’altro ancora ?

  • Voto 8/10

Vai all'inizio della pagina